Alcune delle vostre domande

  • In cosa consiste l’attività di Ban-up?
  • Come presentare il proprio progetto?
  • Quali documenti è necessario allegare al proprio progetto?
  • Quali sono le opportunità per le imprese non selezionate?
  • Quali benefici ha un Member?
  • C’è differenza tra persone fisiche e persone giuridiche?
  • In Italia ci sono agevolazioni fiscali per l’investimento in start-up?
Ban-Up affianca ed accelera le startup e PMI con le sue attività di consulenza e mentoring mettendo a disposizione un network internazionale di esperti e business coach.
In due settimane il team di selezione di Ban-Up analizza il progetto e valuta le potenzialità di successo dell’iniziativa imprenditoriale.
Le imprese selezionate entreranno a far parte di un percorso di accelerazione, regolato da un Contratto di Consulenza e di Esclusività, per affrontare al meglio un percorso di crescita aziendale di successo.
È semplice. Clicca su “Presenta il tuo progetto” e segui la procedura indicata:
• Inserisci i flag ai documenti indicati (Terms and Conditions – Privacy Policy)
• inserisci i dati anagrafici dell’impresa
• compila i campi descrittivi del progetto
• inserisci i link/upload degli allegati
• effettua il pagamento del contributo pari a € 122
• invia la scansione del bonifico relativo al pagamento del contributo a
È fondamentale inserire l’executive summary del business plan e l’elevator pitch. Il business plan analitico aggiornato è fortemente consigliato. Facoltativi sono altri documenti come video di presentazione e altro materiale descrittivo del progetto.
Le imprese non selezionate riceveranno alcuni pratici consigli per migliorarsi. Indicazioni approfondite sulle aree di miglioramento saranno offerte su specifica richiesta di servizi di consulenza.
Il Member di Ban-up ha la possibilità di accedere alla sezione del sito “Showcase”. La sezione “Showcase” contiene i teaser delle imprese selezionate e accelerate da Ban-up.
A parità di servizi vi è una differenza nella tariffa annuale. La membership annuale per la persona fisica ammonta a 1.800 euro (+iva) mentre per le persone giuridiche è di 4.500 euro (+iva).
Con l’emanazione del DM 30 gennaio 2014 il Ministero dell’economia e delle finanze ha dato attuazione agli incentivi di natura fiscale previsti per le startup innovative.
L’incentivo si formalizza in una detrazione IRPEF del 19% o una deduzione IRES del 20% calcolata sulle somme investite, soglie che, qualora le startup siano a vocazione sociale o sviluppano e commercializzano prodotto o servizi innovativi ad alto valore tecnologico in ambito energetico, salgono rispettivamente al 25% e al 27%.
Le agevolazioni riguardano i periodi d’imposta 2013, 2014 e 2015, con un estensione in virtù dell’articolo 9, comma 16-ter, del Dl 76/2013 anche per l’anno 2016.